Ufficio turistico nel Cantone di Berna

Settimana lavorativa di sette giorni, orari di lavoro lunghi e clientela molto esigente: in un ufficio turistico, il lavoro può diventare molto impegnativo, soprattutto nei periodi di alta stagione. In caso poi di assenza per malattia di una collaboratrice o un collaboratore, ne risentono tutte/i le/gli altre/i.

Ritratto foto Marina Wyssen

Marina Wyssen, vice direttrice

Impresa
Turismo Adelboden-Lenk-Kandersteg, Berna
Anno di fondazione
2018
N. di collaboratrici e collaboratori
11

Tutte/i possono fornire il proprio contributo

Non voglio che il nostro team pensi che tutto venga imposto dall’alto. Per questo motivo, di tanto in tanto facciamo dirigere i nostri team meeting anche alle collaboratrici e ai collaboratori. A nostro avviso tutte/i devono avere l’opportunità di partecipare e di proporre suggerimenti e idee.

Marina Wyssen allo sportello dell’ufficio turistico di Adelboden
Quando capita che la clientela riversi la propria frustrazione sulle mie collaboratrici, per me è importante parlarne con le stesse subito dopo l’accaduto.

Voglio individuare i problemi per tempo

Le divergenze sono all’ordine del giorno. Per me è importante che ogni collaboratrice e collaboratore abbia una persona di riferimento a cui rivolgersi in caso di conflitto. Le collaboratrici e i collaboratori devono sapere di poter contare su qualcuno quando hanno bisogno di parlare. In qualità di dirigente ci tengo a individuare e dirimere rapidamente eventuali divergenze e conflitti.

La digitalizzazione richiede molta attenzione

Adesso la comunicazione avviene spesso in videoconferenza, ma ho notato che, per alcune collaboratrici e alcuni collaboratori, l’ondata di digitalizzazione delle mansioni di lavoro rappresenta una difficoltà. Di fronte a questo trend, dobbiamo fare molta attenzione a non lasciare indietro nessuno. Per tale motivo abbiamo affrontato questo argomento con ogni singola collaboratrice e ogni singolo collaboratore.

Mi piacerebbe affrontare il tema della salute da una prospettiva interaziendale

Sono sempre più consapevole del fatto che trattiamo il tema della salute in modo prettamente individuale (riferendoci a singole persone o a singoli casi) e ne discutiamo solo raramente da una prospettiva interaziendale: questo è un punto che in futuro vorrei affrontare maggiormente.

Le situazioni difficili con la clientela vengono discusse insieme

L’interazione con le/gli ospiti e le/i clienti non è sempre facile; spesso infatti costoro si rivolgono a noi per dei problemi che non possiamo risolvere in prima persona. In questi casi può capitare che le nostre collaboratrici e i nostri collaboratori abbiano sulle spalle tutta la frustrazione del momento. Quando si lavora sul posto può accorrere in aiuto, ad esempio, una seconda collaboratrice, ma al telefono questo non è possibile. In definitiva, per me è importante discutere insieme come si sono affrontate le diverse situazioni.